Search
Our Catalog
    Menu Close

    Art, Fashion and Design

    Sort by
    Display per page
    Picture of BUE

    BUE

    L’oggetto decorativo e artistico realizzato in acciaio inciso e decorato a mano, riprende i moduli tessili del bue. Il motivo decorativo è stato elaborato dall'artista designer Eugenio Tavolara per le tessitrici di Sarule e segna un momento storico e magico per l’arte tessile del paese di Sarule.
    Call for pricing
    Picture of Su Puzone

    Su Puzone

    L’oggetto decorativo realizzato in acciaio e decorato a mano rappresenta un motivo totemico che fa parte dell’iconografia tessile tradizionale del paese di Sarule (Nuoro).
    Call for pricing
    Picture of TABLE LAMP BY MASSIMO BOI
    Picture of BRIDE'S PITCHER - CERAMICHE DEIDDA
    Picture of TURQUOISE VASE -  ROSAURO SANNA
    Picture of THE DEER - PATRIZIA CARA CERAMICHE
    Picture of COLLANA FRANGIA

    COLLANA FRANGIA

    collana in corallo
    Call for pricing
    Picture of ANELLO DI CORALLO ROSA

    ANELLO DI CORALLO ROSA

    Call for pricing
    Picture of CIONDOLO A CUORE DI CORALLO

    CIONDOLO A CUORE DI CORALLO

    Call for pricing
    Picture of ANELLO IN FILIGRANA SARDA E CORALLO
    Picture of FEDE SARDA IN FILIGRANA

    FEDE SARDA IN FILIGRANA

    La leggenda narra che la prima fede sarda venne forgiata dalle Janas, fate che abitavano gli angoli selvaggi e isolati dell’Isola in età nuragica. Abitavano nelle Domus de Janas (Case delle fate) e qui lavoravano la filigrana costruendo anelli e gioielli di ogni tipo, incastonati con pietre preziose tipiche dell'Isola come il corallo o l'ossidiana. Questi gioielli venivano poi indossati dalle fate nelle loro occasioni speciali, come l’incontro con la divinità. Ecco che la fede sarda assume un significato alto, mistico, ultraterreno: tutt’oggi le donne ne riconoscono il valore e la indossano con enorme rispetto. Questo oggetto ha quindi qualcosa di magico. Anche l'usanza di indossarlo solo nell’anulare sinistro non è casuale. Secondo le antiche credenze, è proprio in questo punto che passa la vena dell’amore (vena amoris) ovvero quella che arriva al cuore, trasportando il sangue, l’ossigeno, la vita.
    Call for pricing